Committente: Prof. Arch. Massimo Carmassi

Camera e obiettivi: Nikon

---------------------------------------------------

QUARTIERE ATER-SHANGAI A LIVORNO

"Il progetto (primo lotto di un più ampio progetto urbano per il quartiere di Shangai) prevede la costruzione di sette edifici di varia dimensione che accoglieranno complessivamente n° 117 appartamenti di cui 35 di 45 mq, 39 di 60 mq, 30 di 70 mq, 12 di 75 mq, 1 di 85 mq.
Il progetto comprende varie tipologie di appartamenti ad una, due, tre camere dotati ciascuno di un ampio terrazzo più grande a piano terra, combinati tra loro in modo equilibrato rispettando gli standard funzionali e dimensionali di legge.
Gli edifici si svilupano su cinque livelli di appartamenti fuoriterra e una terrazza praticabile soprastante. Il piano terra accoglie anche un locale protetto, comunicante con l’esterno destinato a centrale termica.
Tutti gli apparmenti sono dotati di terazzi compresi all'interno del volume edilizio.
Alcuni appartamenti a piano terra sono dotati inoltre di cortili di superficie variabile proiettati all’esterno degli edifici e protetti da murature perimetrali.
Tutti gli edifici sono costruiti sulla base di una piastra interrata, contenente un grande parcheggio che accoglie posti auto e cantinette per tutti gli appartamenti, direttamente raggiungibili dal blocco scale munito di ascensore e dall’esterno. In questo modo tutto lo spazio libero tra i vari edifici, arricchito da panchine e alberi ad alto fusto, è percorribile liberamente dgli abitanti.
La piastra parcheggio consentirà di ospitare anche un locale autoclave per ciascun edificio e i serbatoi per l’impianto antincendio. Gli accessi alle scale e alle cantinette saranno protetti da disimpegni tagliafuoco areati.
Il primo livello di appartamenti è sopraelevato rispetto al piano di campagna non solo per proteggere le aperture da sguardi indiscreti ma per ottenere anche un vano suplementare per la distribuzione della rete impiantistica e degli scarichi, tale da consentire facili operazioni di manutenzione senza disturbare gli abitanti.
L’ultimo livello degli appartamenti di ogni edificio ospita una terrazza a cielo libero con una parte coperta disponibile per il gioco dei bambini ed eventuali funzioni di lavanderia.
Questa terrazza è collegata da una scala al piano della copertura, protetto da murature perimeterali di 160 cm, alle quali sono tese serie di fili per ascuigare la biancheria.
La struttura del complesso è costituita da normali telai in cemento armato e solai in latero cemento, dove i pilastri corrispondono alle strutture verticali di sostegno della soletta del parcheggio fondate su una platea continua nervata.
Il perimetro del parcheggio è delimitato da un diaframma drenato in cemento armato solidale con la platea e la soletta di copertura in modo da rendere impermeabile lo spazio interrato.
La studiata disposizione dei sette edifici parallelepipedi elementari sul piano pedonale conferirà al complesso un'immagine sobria ed ordinata, caratterizzata dalla scansione delle murature in mattoni pieni, sovrapposti senza commento, mediante tagli verticali di diversa larghezza, nei quali sono concentrate le aperture dei vari ambienti.
La ricchezza dell’insieme sarà incrementata dalla estrema variabilità degli effetti di luce sulle superfici murarie."

Massimo Carmassi - http:/​/​www.​carmassiarchitecture.​com